ATTENZIONE: la prima lezione si terrà, come da programma, Mercoledì 14 novembre dalle ore 10.30 alle ore 12.30 presso La Biblioteca di Scandicci.

Il laboratorio teatrale La biblioteca parlante -laboratorio di recitazione e scrittura teatrale- si prefigge due scopi precisi ed assolutamente complementari fra di loro: non solo insegnare come dire determinate cose su di un palco ma anche, e forse soprattutto, che cosa dire esattamente. infatti prima che un attore sia in grado di vestire i panni di un personaggio, deve saper essere semplicemente se stesso in scena, pienamente consapevole delle proprie capacità e difetti, aderente ai propri sentimenti, manovratore delle più intime reazioni e non vittima di esse. Se l’imperativo, di delfica memoria, “conosci te stesso” è vero per ognuno di noi, per un attore diventa assolutamente essenziale.a conclusione di questo percorso infatti verrà messo in scena uno spettacolo teatrale composto da monologhi scritti, interpretati e diretti dagli attori stessi.

micoli-la-stanza-dell_attore

DOCENTI:

GIOVANNI MICOLI

Attore, autore e regista teatrale e presidente de La Stanza dell’attore, laureato in giurisprudenza nel 1996, ha vissuto tre anni a new York dove ha studiato il metodo teatrale Stanislavskij presso il laboratorio teatrale di Sondra Lee.

INFORMAZIONI SUL CORSO

  • durata del corso: 10 incontri
  • periodo svolgimento: 14-21-28 nov, 5-12-19 dic, 16-23-30 gen, 6 feb
  • giorno della settimana: mercoledì ore 10,30-12,30
  • sede di svolgimento: Biblioteca di Scandicci, via Roma 38/a
  • numero massimo iscrizioni: 25 persone
  • costo: 80.00€

PROGRAMMA DEGLI INCONTRI

Rispettando i due principi del Metodo Stanislavskij, ovvero il lavoro dell’attore su se stesso e sul personaggio che interpreta, le prime lezioni saranno dedicate al lavoro dell’attore su stesso e sulla capacità di raggiungere una sua serenità scenica; le ultime lezioni saranno invece dedicate alla scrittura per la rappresentazione finale

Prodotti correlati
Contattaci

La Libera Università di Scandicci risponde all’idea di una “città che apprende”, di una comunità che partecipa attivamente alla vita culturale e considera la formazione continua la chiave del proprio sviluppo.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt
0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca